Lo smeraldo

Lo smeraldo

La parola smeraldo deriva dal greco smaragdos, già ai tempi degli antichi utilizzato per indicare la gemma trasparente di color verde chiaro ai giorni nostri adoperata soprattutto nella realizzazione di pezzi di gioielleria.

  • Come si origina lo smeraldo?
    Lo smeraldo rientra nella famiglia del berillo, a sua volta appartenente al gruppo dei silicati, un minerale che allo stato puro si presenta in forma vitrea ed incolore, ma molto più frequentemente reperibile nelle sue varianti colorate, tra cui l’acquamarina, l'eliodoro, la morganite e, infine, lo smeraldo stesso. A determinare la colorazione assunta dal berillo è la presenza di cromo, un elemento chimico che, quando presente nella struttura morfologica della pietra unitamente al vanadio, è in grado di generare l’intensa tonalità verde che contraddistingue lo smeraldo.

  • Giacimenti e varietà di smeraldo
    La pietra di smeraldo ha origine pegmatitica-pneumatolitica a partire da rocce metamorfiche che, durante il processo di formazione, sono state esposte ad altissimi livelli di temperatura e pressione. Tra i giacimenti di smeraldo più antichi rientrano senz'altro quelli identificati sulle coste del Mar Rosso, ma vale la pena evidenziare anche quelli rinvenuti sui territori sudamericani, in particolare in Colombia e in Brasile, dove attualmente si trovano le miniere di smeraldo più estese al mondo. In particolare, i giacimenti di smeraldo sudamericani sono noti soprattutto per l’eccellente qualità delle pietre generate: lo smeraldo colombiano, seppur di difficile reperibilità, è attualmente considerato una delle varietà di maggior pregio ed è tra i più apprezzati a causa dell’intensità del suo colore e dell’elevato grado di trasparenza, caratteristiche che ne aumentano esponenzialmente il valore commerciale. Nelle stesse zone inoltre si possono rinvenire anche i singolari smeraldi trapiche, contraddistinti dalle inclusioni di carbonio scuro dalle forme esagonali e rassomiglianti una stella a sei raggi.
    Particolarmente stimati sono anche gli smeraldi provenienti dal Brasile, ritenuti anch'essi di gran pregio grazie alla colorazione in grado di spaziare da tonalità di verde più intenso a quelle più delicate. Da non confondersi con la tormalina verde, spesso erroneamente denominata ‘smeraldo brasiliano’ a causa della tipica colorazione.

  • Le inclusioni dello smeraldo
    Al contrario di quanto si potrebbe pensare, le inclusioni rappresentano uno dei tratti distintivi della pietra di smeraldo. Tali irregolarità vengono anche denominate ‘giardini di smeraldo’ a causa della peculiare forma sottile delle inclusioni, dovute a variazioni nella struttura cristallina interna della pietra. Pertanto, se da un lato le inclusioni presenti nello smeraldo rappresentano un indizio fondamentale della sua autenticità, dall'altro è divenuto uso comune sottoporre le pietre di smeraldo a trattamenti, in genere tramite oli e resine, volti a nasconderne le imperfezioni e intensificarne il colore.

  • Valutazione dello smeraldo
    Diversamente da quanto avviene con altre gemme, la valutazione di una pietra di smeraldo è in genere effettuata a occhio nudo, le sue principali caratteristiche come ad esempio l’intensità del colore, la trasparenza e la purezza, sono infatti di immediata visibilità anche agli occhi meno esperti.
    Per questa ragione si rivela di fondamentale importanza il taglio da effettuare sullo smeraldo: è compito del tagliatore infatti sfruttare il posizionamento delle inclusioni in modo tale da non alterare, ed anzi ottimizzare, la lucentezza dello smeraldo ed esaltarne dunque la bellezza. Il celebre taglio smeraldo, per esempio, seppur eseguito anche su altre tipologie di gemme, è stato originariamente ideato per evidenziare le qualità della pietra di smeraldo e accentuarne colore e brillantezza. Si tratta di un taglio formato a gradini e dalla forma apparentemente rettangolare -a dire il vero, come è possibile notare da un’analisi attenta, il taglio a smeraldo è di forma ottagonale, per via degli angoli tronchi da cui è composto.
    In gioielleria lo smeraldo è una gemma di larga diffusione nella realizzazione di accessori e rappresenta una delle pietre preziose più ricercate e apprezzate.
Pranzini Gioielli

Via D’Azeglio, 10/D - 40132 Bologna
051.226811

Registrati alla newsletter

Accettazione privacy